Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Da assistente a consulente: la straordinaria ascesa di Martina De Gregorio

Scopri come Martina De Gregorio ha trasformato la sua carriera in Banca Mediolanum passando da assistente a consulente finanziario in soli 6 anni.
  • 25 anni: l'età di Martina De Gregorio al momento di diventare consulente finanziario.
  • 6 anni: il tempo impiegato da Martina per passare da assistente a consulente finanziario.
  • Accoglienza di Lucie Borraccino: una professionista con 24 anni di esperienza nel settore bancario.

La giovane Martina De Gregorio, con idee chiare e una grande determinazione, ha coronato il suo desiderio di diventare consulente finanziario a soli 25 anni. La sua carriera è iniziata come assistente di Giuseppe Uccellari, private banker e manager, che ha svolto un ruolo cruciale nel suo percorso professionale. Martina ha iniziato a respirare l’aria di Banca Mediolanum da neodiplomata, a 19 anni, diventando assistente del suo attuale supervisore a Modena. In lui ha riconosciuto un modello a cui aspirare come professionista.

“Ho iniziato a respirare il mondo di Banca Mediolanum da neodiplomata, a 19 anni, diventando assistente del mio attuale supervisore a Modena. In lui ho riconosciuto un modello a cui aspirare come professionista. Respirando il mondo Mediolanum durante le riunioni, partecipando ai discorsi tra colleghi e vivendo l’operatività in ufficio, ho maturato la convinzione di voler abbracciare il ruolo di consulente finanziario. L’attenzione che la struttura riserva ai family banker e ai clienti ha reso evidente il valore che avrei potuto portare ai risparmiatori, grazie al supporto ricevuto scegliendo questo percorso professionale.”

Il Percorso di Selezione e l’Esperienza come Assistente

Martina ha trovato l’iter di selezione strutturato per fornire una visione realistica della realtà professionale. Prezioso è stato l’affiancamento nella preparazione per l’esame di abilitazione all’albo, il primo passo per diventare consulente finanziario. Durante i colloqui, è stata colpita positivamente dall’incontro dedicato ad approfondire la conoscenza di lei come persona, indagando valori, obiettivi e capacità di relazionarsi con le persone più vicine. Questo ha confermato la volontà dell’azienda di dare un’identità ai professionisti allineati alla sua visione e ai pilastri su cui si fonda.

“Il ruolo di assistente era un lavoro che mi piaceva e fondamentale per la serenità di iniziare il percorso come consulente finanziario. Ho acquisito competenze su più fronti. Diverse attività le ho gestite in sinergia con il mio supervisore, apprendendo il metodo di lavoro e l’importanza dello studio e del rapporto con i clienti. Per anni ho affiancato neo consulenti in azioni di sviluppo commerciale e amministrativo, comprendendo dubbi, domande e difficoltà. Nessuna di queste mi è sembrata invalidante. La principale difficoltà si è rivelata dover aspettare di avere un’età e un’esperienza adeguata per propormi come professionista sul mercato e essere riconosciuta dai clienti. Oggi ho partita IVA e non potrei più tornare indietro.”

La Vita da Consulente Finanziario

“Oggi sento il tempo nelle mie mani, posso gestirlo in autonomia, il che non significa senza senso di responsabilità. Lavoro molte ore, ma non mi pesa. Apprezzo il dinamismo delle giornate e la possibilità di bilanciare impegni personali e professionali con flessibilità. È cambiato il mio patrimonio relazionale. Il lavoro stimola la discussione, frequentare luoghi di aggregazione e pensarti come professionista in ogni contesto. Ripercorro le persone incontrate, gli stimoli ricevuti, e posso confermare che la socialità è un approccio intrinseco alla professione, un bell’arricchimento. In altri lavori è semplice cadere nella routine, ma la professione del consulente finanziario è uno stimolo continuo a crescere, un grande punto di forza.”

Martina ha vissuto alcune difficoltà, principalmente legate al fatto di essere una giovane donna in un settore in cui il professionista tipico è un uomo di mezza età. Tuttavia, questi due anni e mezzo l’hanno affrancata dal dubbio, trovando sempre grande disponibilità. Il contesto di mercato attuale favorisce il modello di banca di Banca Mediolanum, offrendo la possibilità di ricevere attenzione e favore da parte delle persone con cui entra in contatto. Nelle situazioni in cui emerge l’esigenza di una figura con maggiore autorevolezza o competenza, la struttura è sempre al suo fianco. I clienti hanno il duplice vantaggio della sua consulenza, assistenza, empatia e competenza tecnica, oltre all’esperienza e all’autorevolezza del suo supervisore.

Il Reclutamento di Lucie Borraccino

Per ampliare la rete di consulenti finanziari, Banca Mediolanum ha recentemente accolto Lucie Borraccino, una professionista con un’esperienza ventennale nel settore bancario. Ugo Lombardi, network regional manager, ha dato il benvenuto a Lucie sui social, sottolineando la sua lunga carriera di 24 anni nel settore bancario, maturata presso Monte dei Paschi di Siena e Banca di Andria. Lucie Borraccino si unisce alla squadra di Banca Mediolanum di Barletta, Andria e Trani, portando con sé una professionalità e una conoscenza del territorio impareggiabili. Il suo contributo sarà fondamentale per rafforzare la crescita della banca e offrire ai clienti un servizio completo e personalizzato.

Bullet Executive Summary

La storia di Martina De Gregorio e il reclutamento di Lucie Borraccino rappresentano esempi significativi di come Banca Mediolanum stia investendo nelle nuove generazioni e nell’esperienza consolidata per rafforzare la propria rete di consulenti finanziari. Questi movimenti di staff a livello c-level e le nuove strategie bancarie sono fondamentali per garantire un servizio sempre più personalizzato e competente ai clienti.

Nozione base: Le nuove strategie bancarie spesso includono l’integrazione di tecnologie digitali per migliorare l’efficienza e la trasparenza nei pagamenti digitali, facilitando così il lavoro dei consulenti finanziari e migliorando l’esperienza del cliente.

Nozione avanzata: L’adozione di intelligenza artificiale e machine learning nelle banche moderne permette di analizzare grandi quantità di dati per fornire consulenze finanziarie altamente personalizzate, migliorando la capacità dei consulenti di prevedere le esigenze dei clienti e di offrire soluzioni su misura.

In conclusione, la storia di Martina e l’arrivo di Lucie dimostrano come la combinazione di giovani talenti e professionisti esperti possa creare un ambiente dinamico e innovativo, capace di affrontare le sfide del mercato finanziario moderno. Questo stimola una riflessione personale su come le istituzioni finanziarie possano evolversi e adattarsi per rispondere alle esigenze sempre più complesse dei clienti.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *