Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Accordo Storico: Apple Apre la Tecnologia NFC agli Sviluppatori di Terze Parti

La Commissione Europea accetta gli impegni di Apple, permettendo finalmente ai concorrenti di utilizzare la tecnologia NFC degli iPhone per transazioni sicure.
  • L'accesso alla tecnologia NFC degli iPhone sarà aperto a sviluppatori di terze parti per i prossimi dieci anni.
  • Gli sviluppatori potranno utilizzare la modalità Host Card Emulation (HCE) per archiviare in modo sicuro le credenziali di pagamento.
  • Se Apple violerà l'accordo, rischia una multa fino al 10% delle sue entrate annuali globali, stimata in circa 40 miliardi di dollari.

La Commissione Europea ha accettato gli impegni di Apple per aprire il sistema di pagamenti mobile e concedere l’accesso alla tecnologia NFC degli iPhone ai concorrenti. Questo accordo segna la fine di un’indagine durata quattro anni, avviata per verificare l’incompatibilità del chip NFC di iPhone con piattaforme di pagamento non appartenenti ad Apple. Per anni, Apple Pay è stato l’unico strumento ammesso sugli iPhone per i pagamenti via NFC, ma ora la situazione cambierà radicalmente. I concorrenti potranno utilizzare la tecnologia di comunicazione a corto raggio degli iPhone per transazioni sicure in negozio.

Dettagli dell’Accordo e Implicazioni per i Prossimi Dieci Anni

A gennaio scorso, Apple ha proposto adeguamenti alla Commissione Europea per chiudere la vicenda, inclusa l’apertura a terzi dell’NFC degli iPhone per gli utenti dello Spazio Economico Europeo (SEE), che comprende l’Unione Europea, il Regno Unito, la Norvegia e il Liechtenstein. La Commissione ha accettato queste proposte, confermando le anticipazioni del Financial Times. Margrethe Vestager, Commissario europeo per la concorrenza, ha dichiarato che pagare con lo smartphone è comodo e sicuro, e che Apple si è impegnata a permettere ai rivali di accedere alla tecnologia “tocca e vai” (NFC) degli iPhone.

Per i prossimi dieci anni, Apple aprirà gratuitamente la tecnologia NFC agli sviluppatori di sistemi alternativi ad Apple Pay e Apple Wallet. Questo beneficerà gli sviluppatori dello SEE e gli utenti iOS con ID Apple registrato nello SEE. L’NFC rimarrà aperto a terzi anche se l’utente si trova fuori dallo SEE, ad esempio durante un viaggio. L’accesso all’NFC sarà in modalità Host Card Emulation (HCE), un sistema che permette di archiviare in modo sicuro le credenziali di pagamento e di portare a termine transazioni usando l’NFC. Gli sviluppatori potranno chiedere agli utenti di impostare wallet di terze parti come sistema di pagamento predefinito, un’operazione che richiederà pochi passaggi. Inoltre, Apple concederà ai wallet di terze parti peculiarità riservate ad Apple Pay, come la rilevazione automatica del POS avvicinando lo smartphone, il doppio clic sul pulsante di accensione per l’apertura del wallet, e sistemi di autenticazione sicura quali Face ID, Touch ID e PIN per lo sblocco.

Impatto sui Consumatori e sul Mercato dei Pagamenti Digitali

La decisione della Commissione Europea di accettare l’apertura di Apple alla concorrenza nel settore dei pagamenti mobili ha implicazioni significative per i consumatori e il mercato. I consumatori avranno una gamma più ampia di wallet tra cui scegliere, aumentando la competizione e stimolando l’innovazione. La Commissione ha concluso che la politica di Apple di escludere altri wallet dall’ecosistema di iPhone ha comportato una minore innovazione e una minore scelta per gli utenti, in violazione delle norme comunitarie che vietano l’abuso di posizione dominante.

Apple ha accettato di aprire il sistema di pagamenti ad altri fornitori gratuitamente per un decennio. Gli utenti potranno impostare un’app di portafoglio di terze parti come predefinita, anziché l’Apple Wallet. La società permetterà ai rivali l’accesso completo a funzioni chiave di iOS, come il doppio clic per lanciare l’app portafoglio, Face ID, Touch ID e codici di accesso per l’autenticazione. Questi nuovi impegni comportano cambiamenti significativi nel modo in cui Apple opera in Europa, a beneficio dei concorrenti e dei consumatori.

Monitoraggio e Sanzioni

L’accordo prevede che un fiduciario monitorerà la situazione per garantire che Apple rispetti i termini degli impegni assunti. La Commissione Europea ha concluso che il rifiuto di Apple di aprire l’NFC su iOS agli sviluppatori di altri portafogli digitali rappresentava un abuso di posizione dominante. Apple ha tempo fino al 25 luglio per implementare i cambiamenti. Se viola l’accordo, rischia una multa che potrebbe raggiungere il 10% delle entrate annuali globali. Nel 2023, le entrate di Apple sono state di 383 miliardi di dollari, quindi la multa potrebbe ammontare a circa 40 miliardi di dollari.

Bullet Executive Summary

In conclusione, l’accordo tra Apple e la Commissione Europea rappresenta un passo significativo verso un mercato dei pagamenti digitali più aperto e competitivo. L’apertura della tecnologia NFC degli iPhone agli sviluppatori di terze parti per i prossimi dieci anni offrirà ai consumatori una maggiore varietà di scelte e stimolerà l’innovazione nel settore. Questo accordo non solo evita una potenziale multa per Apple, ma pone anche un precedente importante nel regolamento dei mercati digitali, bilanciando la competitività e l’innovazione con la protezione dei consumatori.

Nozione base: Le nuove strategie bancarie e i pagamenti digitali stanno evolvendo rapidamente, con un’attenzione crescente verso l’interoperabilità e la sicurezza. L’apertura della tecnologia NFC di Apple agli sviluppatori di terze parti è un esempio di come le regolamentazioni possano promuovere un mercato più competitivo e innovativo.

Nozione avanzata: I movimenti di staff a livello c-level tra le banche moderne riflettono l’importanza di avere leader con una visione strategica in grado di navigare le complessità del mercato digitale. La decisione di Apple di collaborare con la Commissione Europea e di aprire la sua tecnologia NFC può essere vista come una mossa strategica per mantenere la fiducia dei regolatori e dei consumatori, garantendo al contempo un ambiente competitivo e dinamico.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *